Italia-Programmi.net e i solleciti di pagamento via mail o lettera, truffa! Ecco cosa fare.

| 09/03/2012 | 0 Commenti

Ieri sera una mia amica, abbastanza preoccupata, mi ha chiesto consiglio su cosa fare riguardo ad una mail ricevuta da un certo sito “italia-programmi.net”, che le intimava il pagamento di oltre 100€ per aver scaricato un programma. Il testo della mail è la seguente (i dati personali sono sostituiti con asterischi):

>Oggetto: Ultimo avviso di pagamento prima dell esazione da parte del tribunale

>Italia-Programmi.net – Ultimo avviso di pagamento prima dell esazione da
parte del tribunale

>Gentile Signora **** *********,

>purtroppo ad oggi non abbiamo ancora ricevuto il pagamento della nostra
fattura del 30/12/2011 per l’utilizzo della nostra piattaforma di download www.
italia-programmi.net (tutte le attivita di utilizzo da parte Sua sono state
registrate e dimostrabili e inoltre documentabili per il tribunale).

>Al momento della conclusione del contratto Lei ha utilizzato il seguente
indirizzo IP: ********** / *************

(Orario di iscrizione: ******* **:**:**)
>
>(Attraverso questi dati puo essere dimostrata senza dubbio la conclusione del
contratto).>Dato che la fattura non e ancora stata saldata nemmeno dopo i vari solleciti,
saremo costretti a passare la pratica al recupero crediti, che a sua volta si
occupera della fattura non ancora saldata e provvedera a rivendicare il credito
per vie legali in tribunale.

>Con la presente Le riserviamo l’ultima possibilita  di provvedere al
pagamento della fattura in modo extragiudiziale, se non usufruisce di questa
possibilita, dovra prendere in considerazione ulteriori altre spese a Suo
carico, come: avvocati, tribunale e recupero crediti non ancora pervenute:

>Ammontare non ancora pervenuto:   96,00

>Commissioni di sollecito:         14,50

>—————————————

>Ammontare totale:            EUR 110,50

>Indicare per favore la seguente causale: ******

>Per poter effettuare il bonifico La preghiamo di utilizzare le seguenti
coordinate:

>Beneficiario: Estesa Ltd.
>
>IBAN: **************************
>
>BIC-Code: *******

>Causale: *******

>Ulteriori chiarimenti per fatture e solleciti:

>Su questo sito internet ha accettato im  modo esplicito le nostre condizioni
di utilizzo. L’accesso sul suo sito www.italia-programmi.net e’un abbonamento a
pagamento. Il pagamento dell’utilizzo del servizio deve essere versato 12 mesi
in anticipo, come evidenziato dai nostri termini e condizioni generali.

>Con il pagamento si accede al diritto di utilizzo del sito per 12 mesi. Onde
evitare che una terza persona si registri con i vostri dati d’accesso, abbiamo
messo in atto vari controlli di sicurezza, che saranno prova inconfutabile in
caso di controversie.

>Abbiamo inoltre inviato alvostro indirizzo E-mail i dati d’accesso con i
quali si puo’beneficiare dei nostri servizi attivati da parte nostra con un
email di conferma.

>Al momento della registrazione, avete fornito i seguenti dati:

>Nome / Cognome:  ********** ********
>
>Via numcivico :  **************
>
>cap Citta’:      **********

>Data di nascita: ************
>
>Telefono:        **********
>
>E-Mail:         ***********

>Per precauzione, al momento della registrazione, vi e’stato trasmesso e
salvato L’indirizzo IP. Questo appare come: *********************. In caso di indagini penali e’posssibile
risalire dall’indirizzo IP per identificare il computer, per vedere il tempo di
applicazioni che e’stato utilizzato, tramite le autorita’ competenti. Poiche’i
dati di connessione devono essere conservati almeno 6 mesi in base al diritto
attuale, l’indagine penale e’promettente.

>Cordiali saluti,
>
>Il Team di Italia-Programmi.net
>
>http://www.italia-programmi.net

>……………………………….

>E-Mail:

>Registro di commercio: No. ***, Seychelles Company Book

La mail mi è subito sembrata molto strana a causa delle numerose “intimidazioni”, volte a voler convincere l’utente a pagare qualunque cifra per non ritrovarsi in guai ben più grandi, successivamente è bastata una rapida ricerca su Google per trovare tantissime altre persone finite nella rete di questi “furboni”.

Vorrei sottolineare che al momento della sottoscrizione non si faceva nessun riferimento ad un contratto, nessun riferimento ad alcun tipo di pagamento di 96€. L’antitrust si è già occupata del caso, multando la società per 1.5 milioni di euro (link approfondimento), ma non si riesce ad intervenire per bloccare il dominio in quanto la società in questione ha sede nelle Seychelles e continua quindi ad inviare mail a poveri utenti che spesso (molto spesso) pagano. Per fortuna, dove non arriva la legge italiana, arriva Kaspersky che ha il sito nel database phishing:

Cosa fare quindi se ricevete la mail o la lettera a casa?

Innanzitutto il consiglio vero e proprio è uno solo: NON PAGATE!

Successivamente potete cercare di far rimuovere i vostri dati dal database di Italia-Programmi.net, ed in questo ci viene in aiuto il sito Diritto dell’informatica.it dove l’avvocato Fioriglio ci propone dei modelli fac simile di risposta adeguati a diversi casi (ecco il link al sito). Inoltre potete segnalare la mail/lettera all’Aduc (link) ed infine potete sporgere querela presso l’ufficio della polizia postale della vostra città, qui un elenco di tutti quelli d’Italia.

Diffondete la notizia e parlatene più che potete in modo che nessuno paghi!

Fonti, approfondimenti (oltre quelli inseriti nei testi sopra):


Tags: , , , , , , , ,

Categorie: Tecnologia

L'autore ()

Mi chiamo Claudio, da Marzo 2014 Dottore in Mediazione Linguistica. A fine 2009 mi sono avvicinato al mondo dei blog, cominciando a scrivere per Nokialino.it. In seguito il canale si è poi evoluto in Geeklino.com con l’intento di fornire un servizio completo e sempre aggiornato.