iCloud: come funziona? Scopriamolo insieme

| 28/10/2011 | 4 Commenti

Con l’avvento di iOS 5, Apple, ha introdotto anche la funzione cosiddetta “nuvola”, attraverso la quale possiamo facilmente condividere le nostre foto e i nostri documenti su tutti i dispositivi collegati alla nuvola, siano essi iPhone, iPad o Pc. Ma come facciamo a fare funzionare questo serizio? Vediamolo insieme.

Innanzi tutto, occorre avere un Apple ID per poter accedere al sito iCloud.com, qualora non ne foste provvisti, vi basterà crearne uno gratuitamente, ma se già lo avete per scaricare le applicazione dallo store, potete comodamente usare quello in vostro possesso. Vi basterà infatti inserire nome e password sul sito per poter accedere ai contenuti condivisi.

Se avete configurato iCloud al primo avvio, dopo l’installazione di iOS 5 anche sul vostro iPhone o iPad, (se non lo avete fatto potete comunque trovarlo in Impostazioni > iCloud) avrete la possibilità di vedere e modificare dati, posta e contatti anche sul sito iCloud.com.

iCloud permette di sincronizzare con tutti i dispositivi:
- Contatti
- Note
- Calendari
- Promemoria
- Preferiti di Safari
- Documenti e dati creati con iWork (Keynote, Pages e Numbers inclusi)
- Posta (se avete un account @me.com che potete comunque creare gratuitamente)

iCloud permette quindi di poter effettuare anche un backup del vostro dispositivo tramite rete Wifi, fate attenzione però che lo spazio gratuito sulla nuvola non è illimitato; Apple offre gratuitamente e a tutti gli utenti 5 GB di dati, lo spazio può essere aumentato acquistando GB aggiuntivi. Tenete presente che la musica, le app, i libri e le immagini dello Streaming foto non vengono contati nei 5 GB.

Apple vi offre anche la possibilità di effettuare il backup dell’intero melafonino o tablet direttamente sulla nuvola, ma ricordate che per effettuare il primo backup, potrebbe volerci anche un’ ora. I successivi richiederanno molto meno tempo poiché verranno incrementati al primo, tenete presente inoltre che il backup viene effettuato solo sotto rete Wifi e quando il dispositivo è in carica.

Potete anche decidere quali dati di applicazioni entreranno a far parte del vostro backup. Per far questo recatevi in Impostazioni > iCloud > Archivio e backup, qui vi verrà mostrato lo spazio ancora disponibile. Tappate su Gestisci archiviazione, avrete la possibilità tappando ancora su iPhone di gestire tutti i dati delle singole app in modo da evitare di superare il limite dei 5 GB.

Se per esempio avete attivato iCloud sul vosto iPhone, tutti i dati che abbiamo precedentemente indicato, saranno disponibili anche sul vostro iPad. Comodo no?

Se avete creato dei documeni con Pages, ad esempio, li potrete comodamente scaricare andando nella sezione apposita sul sito. Stessa cosa se volete modificare i vostri contatti.

Image Hosted by ImageShack.us


Tags: , , , , ,

Categorie: Apple, Guide, iPad, iPhone

L'autore ()

Mi chiamo Stefano, appassionato di computer ed elettronica fin dalla tenera età, mi avvicino al mondo Apple attraverso l’iPhone 4. Inizialmente scettico per un prodotto, secondo me, troppo costoso per quello che doveva essere un semplice telefono, la mia passione sfocia ben presto in una cultura per un mondo che “o ami, o odi”, quello della mela! Mi occupo della categoria Apple nel blog di Geeklino.
  • Gianni

    Ottimo articolo! ;)

    • Xcloud

      Già! La nostra nuova recluta si da da fare :D

  • Pingback: Photo Stream: condivisione foto anche su Windows 7

  • Alessandro

    ottima spiegazione.. volevo solo sapere .. e se non avessi una connessione wifi?.. io ho fastweb dal telefono… non posso usufruire di icloud..vero?..

    Grazie anticipatamente